Inferno & Co – racconto

INFERNO E CO

Ebbene sì, sono proprio io, il diavolo. Forse vi aspettavate le corna caprine, la pelle rossa e la coda a punta, ma queste cose purtroppo non spaventano più come un tempo. Ora il mio aspetto è quello di un normalissimo ausiliario del traffico, con tanto di gilet catarifrangente, borsello e tablet alla mano. L’evoluzione non è altro che adattamento al cambiamento e in questo, noi dalla parte del male, siamo mille volte migliori dei nostri avversari. Noi della “Inferno & Co” ci siamo evoluti.

Ci sono stati numerosi mutamenti nella nostra…oops, scusate nella vostra società, per questo, e per poter essere competitivi nel mercato delle anime, oltre al nostro aspetto, abbiamo dovuto adattare anche il nostro approccio.

Dopo aver abbandonato il fallimentare mercato delle guerre, che non garantiva una percentuale di successo soddisfacente, e anche quello delle tasse, perché anche noi, in fondo possediamo una morale, abbiamo concentrato le nostre energie su dei settori nemmeno presi in considerazione dalla concorrenza e, frammentando gli investimenti in diverse attività, siamo riusciti a superare le nostre più rosee aspettative. Ad oggi, le dannazioni troneggiano nel mercato delle anime superando le ascese in cielo del cinquecento percento! Un risultato che nemmeno le crociate, nemmeno i mondiali di calcio del 2017 sono riusciti a portare a casa. Secondo le ultime statistiche, tra i settori più remunerativi, in termini di anime, ci sono le poste, la raccolta differenziata e la telefonia. Alle poste, per esempio, i nostri servizi più efficienti non sono allo sportello, bensì nella sala di attesa. Qui abbiamo installato uno dei macchinari più crudeli della storia: la macchina eliminacode, in grado di trasmettere alle persone disagio e disparità sociale, in più, i nostri demoni più preparati, rigorosamente in borghese, si impegnano a bloccare e a saltare le file creando disordine e malessere generale. Questo lavoro, apparentemente di poco conto, in realtà crea un effetto a catena in grado di scatenare atti di violenza e istinti omicidi.

Devo dire che anche il settore dei rifiuti è stato un ottimo investimento per la nostra azienda. L’introduzione della raccolta differenziata, oltre a salvaguardare l’ambiente (cosa a cui noi della Inferno & Co teniamo particolarmente), ha determinato un salto di qualità per nostra azienda andando ad intaccare i valori morali tanto difesi fino ad ora all’interno delle mura domestiche. L’introduzione del rifiutologo e dei dubbi suscitati da questo oggetto ha fatto sì che all’interno dei più solidi nuclei familiari si venisse a creare un ambiente perfetto alla dannazione eterna. In questo però dobbiamo ringraziare i produttori di tetrapak per il loro contributo nel seminare dubbi sull’argomento. Facciamo un applauso!

Il fiore all’occhiello della nostra azienda però, è senza ombra di dubbio il settore della telefonia. Qui i nostri migliori demoni, addestrati nelle profondità degli inferi, lavorano giorno e notte ai call center per disturbare ogni uomo o donna, di ogni continente, a qualsiasi ora del giorno, proponendo contratti al limite dell’estorsione. Di solito bastano un paio di chiamate per andare a solleticare gli istinti animaleschi, instillare la rabbia più feroce e assicurarci l’anima del malcapitato. A volte, però, non basta. Mai sottovalutare la resistenza di un’anima votata al bene. Se qualcuno si scopre in grado di ascoltare la promozione fino in fondo senza maledire il prossimo, allora i nostri demoni, proseguono come da manuale alla sottoscrizione del contratto telefonico. E questa, signori, lo sapete bene, è una delle cose più estenuanti che un umano possa mai sopportare: ore e ore di vocaboli incomprensibili pronunciati in lingue antiche (facilmente confondibili con idiomi dell’est Europa) in grado di far precipitare chiunque nel baratro della follia. Se anche questo non riesce a strappare imprecazioni o a far rinnegare il bene, allora scattano i cambi tariffa e le promozioni. Un dedalo di diramazioni contrattuali tanto intricato da confondere le menti più brillanti e con il solo scopo di aumentare le bollette in modo vertiginoso. Il nostro ufficio di pianificazione vanta migliaia di anni di esperienza nel campo. A questo punto, direte voi, l’anima è cotta a puntino, pronta a farsi un giro nei gironi più profondi dell’inferno, e avete ragione, ma, ahimè, ci sono delle eccezioni. Sia ben chiaro, le persone che resistono fino a qui sono veramente poche, ma, a quanto pare qualche ignaro discendente di Gandhi ancora c’è. Non resta che utilizzare le maniere forti, ed ecco che entrano in gioco i “tecnici”. Questi sono i demoni addetti ai lavori sporchi. Quelli che arrivano e mettono fuori uso le centraline con la scusa di fare un controllo, quelli che vengono a controllare la linea di casa solo durante l’ora di pranzo, o quando siete in bagno. Quelli che per attivare un numero ne staccano tre. Quelli che scaricano la responsabilità sul loro superiore, che poi, in realtà, sarei io… Bastardi maledetti, loro fanno paura perfino a me, e vi ricordo che sono il diavolo in persona.

Questo è il grande progetto degli inferi. Il grande piano in grado di spingere ogni persona al male, in grado di spegnere ogni fiamma di bontà nel cuore degli uomini e far crollare le colonne dell’impero del bene. In cifre, signori, stiamo parlando del 99, 9 percento di anime dannate. Un risultato mai raggiunto dalla nascita di quel capellone del figlio del grande amministratore delegato del “Bene”. Un successo, in termini di condanne eterne, migliore del profilattico, migliore dei cartelloni pubblicitari di “Intimissmi”.

Eppure, signori, rimane sempre quel maledetto 0,1 percento che si ostina a non cedere. Una piccola, piccolissima fetta di umanità che tiene ancora stretta la sua anima tra le mani… Ed è per questo, signori, che voi siete qui. Siete voi lo stramaledetto 0,1 percento che non è caduto nella trappola, e io non posso far a meno di ammirare la vostra perseveranza, la vostra forza. Io sono qui, di fronte a voi per farvi una proposta che non potete rifiutare. Vi offro un contratto a tempo indeterminato fino alla fine dei tempi come dirigenti e consulenti della Inferno & Co. Capisco la vostra diffidenza ma i assicuro che in questa occasione non ci sono trucchi o strani, malevoli giochetti. Semplicemente io voglio voi nella mia azienda perché, signori, voi sicuramente la sapete più lunga di me in quanto a tormenti e dannazioni.

Fine

in collaborazione con:

download

per altri racconti clicca qui