In Fondo al Pozzo – racconto

pozzoIl signor Harris alle 7:15, stava passeggiando come ogni mattina lungo il marciapiede sfiorando con il piede destro il bordo ma senza inciampare o fare un passo falso oltre lo scalino. Quella strada la conosceva bene. Puntuale come un orologio svizzero percorreva tutti i giorni lo stesso itinerario per ritornare a casa dopo aver comprato il quotidiano dal vecchio Burton all’angolo con Lincoln Street e aver preso il suo caffè nero ben zuccherato alla caffetteria di fronte. Con lo sguardo fisso sul giornale che aveva in mano, seguiva la strada di fianco al campo incolto pieno di erbacce e all’incrocio tra la sesta strada e il viottolo che portava alla fabbrica di calcestruzzi dove aveva lavorato una vita intera. Il giornale parlava di un temporale imminente, “strano” pensò, fermandosi. Si tolse il cappello di lana e guardò in alto. Il cielo era sereno, a parte qualche scia bianca degli aerei, non c’era nemmeno tanto vento, solo una piccola folata che gli scompigliava i capelli bianchi arruffati.

«Aiuto…» Disse una voce, sottile come il vento che gli sfiorava la testa. Il signor Harris si voltò ma non c’era nessuno. A quell’ora non c’era mai nessuno, era troppo presto e il primo turno ai calcestruzzi non sarebbe iniziato prima di un’ora.

«Aiuto!» Di nuovo. Questa volta più forte. Sembrava provenire dal campo incolto di fianco alla strada. Un piccolo fazzoletto di terra dove nessuno metteva mai piede, non era nemmeno recintato. Da anni non una sola persona se ne era mai occupata e l’erba era cresciuta più di mezzo metro.

«Vi prego, aiutatemi!» Disse un’altra volta quella voce. Una voce di una bambina o un bambino molto piccolo, che riecheggiava come all’interno di una chiesa.

Il signor Harris si fece strada tra le sterpaglie e i rifiuti lanciati dalle auto, fino ad inciampare su qualcosa di metallo. Per tentare di reggersi in piedi strappò un paio di ciuffi di erba più lunghi, ma cade comunque a terra, fortunatamente alcuni cespugli di more pieni di spine attutirono la caduta. Un gemito uscì dalla bocca del signor Harris. Appena alzò lo sguardo, dolorante e pieno di graffi, vide quello che sembrava un pozzetto per irrigazione che spuntava arrugginito dal terreno, coperto soltanto da un pezzo di rete di ferro e un sasso…

Per continuare a leggere la storia clicca sull’immagine o qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...